L’ARTE RENDE LIBERI

L’arte rende liberi? No. Sono lì a testimoniarlo le sbarre, le porte blindate, il filo spinato. L’arte ha affascinato i tiranni. L’arte è stata impotente a fermare gli aguzzini. L’arte ha celebrato i potenti.
Eppure è l’arte che dà voce all’uomo e lo risolleva dalla sua condizione più misera. L’uomo capisce d’avere in sé una scintilla d’infinito. Nella scena finale del film Cesare deve morire il detenuto, ricondotto in cella, dice (a noi e a se stesso): “Da quando ho conosciuto l’arte ‘sta cella è diventata la prigione”.

 

I laboratori d’arte sono dentro le mura della prigione, ma...

AIUTACI CON UNA DONAZIONE A MANTENERE ATTIVI I NOSTRI PROGETTI: SIAMO UNA ONLUS!!

Ammontare: